Cottura alla creta

Cottura alla creta su Wikichef
Preparazione: 
È un tipo di cottura fra i più antichi, come dimostra il fatto che ancora oggi fra i popoli più primitivi che vivono ancora sulla terra, si usa talvolta, cuocere la carne seppellendola in terra sotto la brace.
La tipica cottura alla creta prevede che l'alimento, solitamente un volatile, venga inserito in un'involucro di creta e messo alla brace.
Naturalmente con il forno la tecnica è per ovvi motivi differente, ma non lo saranno altrettanto i risultati se seguirete i miei consigli.
A meno che non vogliate cimentarvi con l'argilla da modellare, in vendita nei migliori negozi di cucina, acquistate un'apposito recipiente di terracotta non vetrificata, munito di coperchio.
Prima di usare il recipiente per la prima volta, fatevi bollire per un paio d'ore acqua con pezzi di sedano, carota e cipolla.
Questo per togliere eventuali cattivi odori che la terracotta potrebbe avere nella prima cottura.
Quando deciderete di utilizzare la casseruola procedete in questo modo: il pollo o gli altri volatili vanno inseriti nel contenitore con tutti gli odori MA SENZA GRASSI.
Per evitare che la terracotta assorba l'umidità dell'alimento il recipiente va tenuto dentro l'acqua (senza nessun cibo all'interno) per almeno 15' prima della cottura.
Per la cottura vera e propria, il recipiente umido, va posto in forno PRERISCALDATO A 250°. La temperatura deve essere molto alta perchè il calore superi la barriera costituita dal recipiente.
A cottura ultimata, il pollo si presenterà dorato MA MORBIDISSIMO in quanto non vi sono dispersioni di succhi, sali e sapori.
Ritratto di Mario Rossi
Difficoltà: 
Tempo preparazione: 
80 minuti
Costo: 
Dosi per: 
4 persone
Ingredienti: 

acqua

pezzi di sedano, carota e cipolla

patate

1 pollo o 1 tacchino di dimensioni adeguate al vostro recipiente

Vuoi ricevere sulla tua email ogni nuova ricetta?

Utenti on-line

Attualmente ci sono 0 utenti collegati.