Il vero Alfredo

Alfredo all'Augustea su Wikichef

Un po' di storia...

Il Vero Alfredo di Piazza Augusto Imperatore è un ristorante storico di Roma, noto ed apprezzato in tutto il mondo grazie al piatto inventato nel 1908 dal suo fondatore Alfredo Di Lelio, le "fettuccine all'Alfredo", per dare un ricostituente

naturale, a base di burro e parmigiano, a sua moglie Ines, prostrata in seguito al parto del suo primogenito.

Alfredo Di Lelio, nato nel settembre del 1883 a Roma in Vicolo di Santa Maria in Trastevere, cominciò a lavorare fin da ragazzo nella piccola trattoria aperta da sua madre Angelina in Piazza Rosa, un piccolo slargo (scomparso intorno al 1910) adiacente all’attuale Galleria Colonna (ora Galleria Sordi).

Il piatto delle “fettuccine” fu un successo familiare prima ancora di diventare il piatto che rese noto e popolare Alfredo Di Lelio, personaggio con “i baffi all’Umberto” ed i calli alle mani a forza di mischiare le sue “fettuccine” davanti ai clienti sempre più numerosi.

Nel 1914, a seguito della chiusura di detta trattoria per la scomparsa di Piazza Rosa dovuta alla costruzione della Galleria Colonna, Alfredo Di Lelio decise di trasferirsi in un locale in una via del centro di Roma (via della Scrofa), ove aprì il suo primo ristorante che gestì fino al 1943, per poi cedere l’attività a terzi del tutto estranei alla sua famiglia.

Ma l’assenza dalla scena gastronomica di Alfredo Di Lelio fu del tutto transitoria. Infatti nel 1950 riprese il controllo della sua tradizione familiare ed aprì, insieme al figlio Armando, il ristorante “Il Vero Alfredo” (fino al 1995 “L’Originale Alfredo”) in Piazza Augusto Imperatore n.30. Con l’avvio del nuovo ristorante Alfredo Di Lelio ottenne un forte successo di pubblico e di clienti negli anni della “dolce vita”. Successo, che è proseguito e si è consolidato nel tempo grazie all’impegno prima del figlio Armando e poi del nipote Alfredo e che è testimoniato dal flusso continuo nel ristorante di turisti da ogni parte del mondo per assaggiare le famose “fettuccine all’Alfredo” al doppio burro, servite con le altrettante famose “posate d’oro”: una forchetta ed un cucchiaio
d’oro regalati nel 1927 a mio nonno dai due grandi attori americani Mary Pickford e Douglas Fairbanks in segno di gratitudine per l’ospitalità.

Questa tradizione delle “fettuccine all’Alfredo” servite con le posate d’oro continua, quindi, a celebrare nel tempo -da oltre cento anni- la grande figura di Alfredo Di Lelio, quale unico ed esclusivo creatore di tale piatto, nato nella piccola trattoria di Piazza Rosa ed ora noto in tutto il mondo.

Il Ristorante “Il Vero Alfredo” è presente nell’Albo dei “Negozi Storici di Eccellenza – sezione Attività Storiche di Eccellenza” del Comune di Roma Capitale.

Il locale, oggi

Il ristorante conserva ancora l'aspetto classico degli antichi ristoranti frequentati dalle famiglie "bene" romane.

Boiseries, foto dei più grandi attori mondiali che hanno pranzato qui, musica sempre verde di violino e mandolino delicatamente suonata da veri professori d'orchesta, camerieri in giacca bianca. Nessun cedimento alle mode, neppure nei menu.

Notevoli fra gli antipasti i carciofi alla romana, il Bollito alla “picchiapò” ed un leggerissimo Cartoccio di fritto cun zucchine filiformi e croccanti.

Tra i primi immancabili sono le "Maestosissime fettuccine all’Alfredo" ed i ravioli di ricotta e spinaci con zucca e granella di amaretto.

Nel menu dei secondi emergono le valigette diplomatiche, le scaloppine di vitello con punte di asparagi e l'involtino di “Ines” alla gricia.

Perfetti anche i piatti della tradizione romana: dall'amatriciana al baccalà alla griglia con vellutata di ceci e rosmarino.

 

Vuoi ricevere sulla tua email ogni nuova ricetta?

Utenti on-line

Attualmente ci sono 0 utenti collegati.